Tu sei qui

Lunedì, Maggio 24, 2021

di Andrea Battauz, R&D Project Engineer di Cortem Group

1. Premessa
 
Tra i diversi ambiti di applicazione della direttiva ATEX, il più diffuso è quello riguardante gli impianti di superficie con il rischio di presenza di atmosfera esplosiva dovuta ad una miscela di aria e di sostanze infiammabili sotto forma di gas o vapore. [1]
In questo settore, installatori e progettisti si pongono spesso domande relative alla scelta dei giusti apparecchi elettrici da installare in impianto.
Nel primo approfondimento “Le zone dell’impianto, i gruppi e le classi di temperatura dei gas” abbiamo visto che questa scelta inizia con la caratterizzazione del sito tramite la suddivisione in zone e la valutazione dei gas presenti in termine di gruppo di gas e classe di temperatura del gas.
Nel secondo approfondimento “EPL, il sottogruppo e la classe di temperatura dell’apparecchio” abbiamo visto come sia possibile dalla lettura della marcatura estrarre i dettagli dell’EPL, del gruppo/sottogruppo dell’apparecchio e della classe di temperatura dell’apparecchio. 
Siamo quindi ora in grado di applicare alcune semplici regole per effettuare un primo abbinamento basato su EPL, gruppo di gas e classe di temperatura dell’apparecchio.
La norma di riferimento per la realizzazione degli impianti è la norma CEI EN 60079-14, versione nazionale ed europea della IEC 60079-14 che porta il titolo di “Progettazione, scelta ed installazione degli impianti elettrici”. 
 
2. L’abbinamento tra apparecchio e sito d’installazione
 
Riportiamo in forma tabellare e di facile lettura le regole per la scelta delle apparecchiature.
 
 
Tabella 1: corrispondenza tra Gruppo e categoria dell’apparecchio ed EPL [1]
 
 
Tabella 2: corrispondenza tra Gruppo di gas del luogo e gruppo di gas di apparecchio [2]
Negli apparecchi laddove sia indicata la classe II essa è da intendersi come IIC
 
 
Tabella 3: corrispondenza tra Classe di temperatura richiesta dalla classificazione dei luoghi e Classi di temperatura accettabili per le apparecchiature [3]
 
 
Figura 1 – Esempio di abbinamento per sito d’impianto Zona 1 IIC T2
 
 
Figura 2 – Esempio di abbinamento per sito d’impianto Zona 1 IIB T4
 
 
Figura 3 – Esempio di abbinamento per sito d’impianto Zona 2 IIB T4
 
3. Conclusioni
 
Abbiamo visto come è possibile effettuare il giusto abbinamento tra sito dell’impianto ed apparecchio andando a confrontare zone dell’impianto con EPL dell’apparecchio, gruppo di gas dell’impianto con sottogruppo dell’apparecchio e classe di temperatura del gas dell’impianto con la classe di temperatura dell’apparecchio.
Si è partiti dal chiarire quali fossero le informazioni necessarie a livello di impianto e le si è confrontate alle informazioni presenti nella targhetta del dispositivo. 
Saranno poi presi in considerazione altri parametri, da verificare e validare basandosi sulla normativa. Solo per citarne alcuni: i parametri squisitamente elettrici, la temperatura ambiente, il grado IP delle apparecchiature, eventuali emissioni di radiofrequenze o ultrasuoni etc.
Certo è che quelli passati in rassegna in questo articolo sono i più peculiari per il rischio esplosione.
 
Norme di riferimento e bibliografia:
 
[1] DIRETTIVA 2014 34 UE - ALLEGATO 1
La direttiva ATEX 2014 34 UE opera una prima distinzione tra apparecchiature per impianti in miniera e apparecchiature per impianti di superficie. In quest’ultimo ambito divide poi le atmosfere esplosive dovute a gas, vapori o nebbie infiammabili da quelle dovute alle polveri. Nell’articolo non parliamo di “nebbie” in quanto sono escluse dall’applicazione della CEI EN 60079-14.
[2] CEI EN 60079-14:2014 TABELLA 1
[3] CEI EN 60079-14:2014 TABELLA 3
[4] CEI EN 60079-14:2014 TABELLA 4